Maculopatia essudativa e maculopatia a Pucker2018-09-20T15:13:39+02:00

Maculopatia

Maculopatia essudativa e maculopatia a Pucker

Home » Trova il tuo difetto della vista » Maculopatia essudativa e maculopatia a Pucker

Maculopatia essudativa

La corretta visione (i cosiddetti 10/10) dipende in buona parte dallo stato di salute della macula, che è la zona centrale e più importante della retina. La più frequente patologia maculare, spesso correlata all’età, è la maculopatia essudativa: un’emorragia maculare dovuta alla crescita di neovasi sottoretinici che causa un’improvvisa e drammatica perdita della vista.

Maculopatia essudativa e maculopatia a Pucker

Terapia

Fino a pochi anni fa non esisteva nessuna terapia efficace, ma ora sono disponibili diverse alternative, fra cui:

  • sostanze ad uso intraoculare che bloccano l’angiogenesi, detti antiVEGF (EYLEA, LUCENTIS, AVASTIN, MACUGEN);
  • cortisonici intraoculari (OZURDEX, TAIOFTAL);
  • Terapia Fotodinamica (PDT PHOTO DYNAMIC THERAPY) con Visudyne in cui l’infusione endovenosa del farmaco precede il trattamento con laser specifico.

I farmaci antiVEGF e cortisonici sono utilissimi anche per tutte le altre malattie causanti un edema maculare, quali ad esempio la retinopatia diabetica e le trombosi venose retiniche, in cui alle iniezioni del farmaco sono spesso associate ad un trattamento laser della retina. Queste terapie sono tutte praticate di routine dal dr. Torlai in regime ambulatoriale presso il Poliambulatorio Chirurgico Modenese. I risultati in termini di guarigione o quanto meno di stabilizzazione del quadro clinico sono ottimi, soprattutto se la terapia è eseguita tempestivamente.

Maculopatia a Pucker

Altra frequente causa di maculopatia è il pucker maculare, costituito da una plissettatura della retina centrale a causa di un raggrinzimento della gelatina vitreale ad essa adesa. Come conseguenza avremo un calo visivo ed una deformazione delle immagini. Se non trattata anche tale patologia porta ad una progressiva perdita della vista.

La terapia è chirurgica, l’intervento è la VITRECTOMIA CON PEELING della gelatina vitreale.

Chiedi al dottore

Se hai dubbi o domande sulla tecnologia più adeguata per correggere il tuo difetto della vista contatta il dott. Franco Torlai

Scrivi al Dott. Torlai