Cheratocono2018-09-20T15:08:58+02:00

Cheratocono

Interventi con il laser o chirurgici

Il cheratocono consiste in un cedimento della cornea su base genetica. La cornea si modifica, da sferica a conica, con un progressivo assottigliamento all’apice. La visione risulta compromessa in modo variabile in quanto insorgono miopia e astigmatismo più o meno gravi.

A seconda dello stadio evolutivo della malattia, il dott. Torlai può suggerire diversi tipi di intervento, laser o chirurgici.

Diversi tipi di intervento, laser o chirurgici

Cross linking transepiteliale con iontoforesi o epi-off accelerato

E’ consigliato nelle forme non troppo evolute, dove il visus è ancora buono. Lo scopo non è di regolarizzare o sostituire la cornea malata, ma di stabilizzarla così com’è, evitando futuri peggioramenti. L’indicazione riguarda anche i cheratoconi “iniziali” che interessano soprattutto i giovani (più soggetti a peggioramento). Il dott. Torlai utilizza Avedro, la tecnologia di punta a livello mondiale. Il tempo necessario al trattamento si riduce a soli 10 minuti.
Il trattamento rinforza i legami del collagene corneale e stabilizza il visus che anzi – a volte – tende a migliorare. Per i casi più gravi di cheratocono l’alternativa è il cross-linking accelerato epi-off.
Il cross linking è un trattamento ambulatoriale eseguito con anestesia topica (poche gocce di collirio anestetico).

Cross-linking accelerato in associazione a Smile, Femtolasik, PRK Custom

Per il trattamento di miopia ed astigmatismo in pazienti con cheratocono è ora possibile associare trattamento laser e cross-linking corneale accelerato. Tale terapia si propone di stabilizzare la cornea e contemporaneamente di migliorare la qualità visiva dei pazienti correggendo parzialmente miopia e astigmatismo.
Prevede una accurata selezione dei casi in base alle caratteristiche corneali.

Impianto di Intacs e Myoring

E’ utile nei pazienti dove è ormai presente un forte astigmatismo non correggibile con occhiali o lenti a contatto (LAC). Viene inserito un anello di materiale sintetico rigido all’interno di una profonda tasca corneale, che modifica la forma della cornea rendendola più regolare. Si notano grandi miglioramenti sia sull’astigmatismo sia sulla miopia. L’impianto di Intacs e Myoring è eseguibile in pochissimi centri, in quanto richiede strumentazioni quali il femtolaser ed il cross linking veloce (con iontoforesi), presenti da tempo presso il Poliambulatorio Chirurgico Modenese PCM.

Trapianto di cornea

Riservato solo ai casi più gravi, oggigiorno fortunatamente assai più rari che in passato. Il dott. Torlai esegue regolarmente interventi di trapianto corneale in anestesia generale in regime di day surgery, così da consentire al paziente operato di rientrare al proprio domicilio, in tutta sicurezza, già nello stesso pomeriggio dell’intervento.

Chiedi al dottore

Se hai dubbi o domande sulla tecnologia più adeguata per correggere il tuo difetto della vista contatta il dott. Franco Torlai

Scrivi al Dott. Torlai